Reggina

Reggina-Frosinone, le pagelle degli amaranto: si salva il solo Provazza

Le pagelle della Reggina

Antonio De Crecchio
16.05.2021 12:55

Ammirati s.v.(dal 14' Mileto 5: rompe subito il ghiaccio con due buoni interventi. Non impeccabile sul primo gol mentre sul secondo è apparso leggermente in ritardo. Qualche sbavature su alcuni rinvii in fase di costruzione dal basso)

Foti 6: buona prestazione mantiene bene la posizione. Nella ripresa gode di più spazi per spingere anche in avanti. 

Rechichi 6: buona personalità del ragazzo. Un pò in difficoltà nel primo tempo, cresce nella ripresa e si rende protagonista di buoni interventi quando il Frosinone in avanti può godere di tante praterie. 

Bongani 6: gara sufficiente, non si notano particolari sbavature. Limita le incursioni di Vitalucci. 

Spadicchia 6.5: invalicabile in retroguardia, si vede anche in avanti e gli capita una buona occasione per segnare.

Traorè 5.5: commette un errore sanguinoso in uscita che per poco non consente a Vitalucci di segnare. Migliora nella ripresa.

Carlucci 5: lento e macchinoso, non velocizza la mole di gioco. Sbaglia diversi passaggi, a volte irritante. (dal 46' Scolaro 6: il suo ingresso dà maggior vivacità all'attacco reggino ma ormai il risultato è già compromesso. L'unico tiro nello specchio porta la sua firma).

Bezzon 5.5: dai suoi piedi nascono alcune azioni pericolose della Reggina. Cala nella ripresa. (dal 65' Di Bella s.v.)

Tersin 5.5: trova pochi varchi in avanti, non riesce a far prevalere il suo estro. (dal 67' Rao 5.5: riesce a creare qualcosa ma ormai è troppo tardi)

Domanico 5: non si vede mai in fase offensiva, ogni tanto conquista qualche fallo che fà respirare e salire la squadra. (46' Mautone 5.5: maggior vivacità ma si perde nell'imbuto delle maglie ciociare).

Provazza 6.5: è l'unico che prova a far qualcosa in avanti. Quando è ben supportato diventa pericoloso.

Primavera 1, la classifica marcatori dopo la 30^ giornata: Contini del Cagliari scarpa d'oro della stagione
Reggina-Frosinone, le pagelle dei ciociari: spicca il nome di Vitalucci. Coccia e Peres incontenibili