Primavera Tim Cup

Disfatta Cagliari, parla Canzi: "Non cerchiamo alibi. Chiedere scusa e ripartire"

Le parole di mister Max Canzi, allenatore della Primavera del Cagliari, al termine del match contro l'Hellas Verona

Giacomo Pateri
18.12.2019 15:05

DISFATTA CAGLIARI. Brutta sconfitta per il Cagliari, sconfitto 1-6 a opera dell'Hellas Verona ad Asseminello. Rossoblù scesi in campo con l'attegiamento sbagliato e autori di una brutta prestazione, complessiva e individuale. A fine gara, mister Canzi ci mette la faccia e di fronte ai cronisti analizza il match, gli errori commessi e come ripartire.

SCUSA AI TIFOSI. "Questa è la 148esima partita ufficiale in panchina col Cagliari. E non avevo mai visto una prestazione del genere. Peggio di così non si può fare, davvero. Dobbiamo solo chiedere scusa ai tifosi".

MERCATO. "Rinforzi a gennaio? Molti dei ragazzi più giovani sono lontani dalla crescita, è vero. Gli andava data un'pportunità per valutarli, è chiaro che non ci aspettavamo una prestazione del genere. Il mercato non mi riguarda, io mi occupo di allenare la rosa".

FORMAZIONE. "Se rifarei le stesse scelte? Qualcuno non ha fatto una buona prestazione è vero, ma non è giusto bocciarli, visto che sicuramente la partita si è poi incanalata in un certo modo. Fa sorridere poi che in giornate storte come questa siamo anche sfortunati negli episodi: il gol di Porru lo abbiamo rivisto ed era regolarissimo".

REAZIONE. "Cosa ho detto alla squadra? Ho detto che dopo una partita come questa non si cercano alibi. Dobbiamo solo chiedere scusa e ripartire. In campionato abbiamo preso dieci gol in tutto, oggi sei in novanta minuti. È stata una brutta giornata e c'è poco da dire".

SABATO LA ROMA. "La prossima sarà difficile: la Roma è una squadra di grandissimo livello e il match di sabato ci farà capire se siamo una squadra di carattere. Non potremo sbagliare la prestazione, come oggi".

 

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 13^ giornata: Ruocco agguanta la vetta e Buso fa un bel balzo nel B accorcia Sueva
Inter-Frosinone: disastro nerazzurro, Mulattieri ci prova.