Primavera 1

Un 2019 da ricordare: la Fiorentina interrompe la maledizione delle finali e vince la Primavera Tim Cup

La Fiorentina quest'anno è tornata a vincere una finale e a portare a casa un titolo

Giacomo Trambusti
30.12.2019 22:30

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

La squadra di mister Bigica è riuscita a vincere la Tim Cup grazie al doppio successo contro il Torino: due a zero al Franchi con la doppietta dell’attuale centravanti della prima squadra, Dusan Vlahovic, e due a uno al Filadelfia con le reti sempre del serbo e di Maganjic. Una competizione giocata in modo davvero spettacolare per i viola che hanno eliminato agli ottavi la SPAL per tre a uno, ai quarti la Juventus con un pirotecnico quattro a tre e soprattutto in semifinale l’Inter (artefice principale della maledizione delle finali di cui parleremo in seguito) per tre a uno. Una macchina da gol, che ha inevitabilmente visto la sua stella, Vlahovic, capocannoniere del torneo.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL LABORATORIO DE 'LA GIOVANE ITALIA'

Una gioia incontenibile per la squadra toscana che ha potuto alzare la Coppa al cielo dopo le tante occasioni fallite in questi anni tra Campionato, Tim Cup e Torneo di Viareggio. I nerazzurri di Milano sono stati gli avversari che hanno strappato per ben quattro volte un titolo ai viola: nel 2018 sia in Campionato (due a zero ai supplementari) che al Viareggio (due a uno nonostante la rete di Sottil, attualmente in prima squadra), nel 2017 solamente in Campionato (sempre due a uno e sempre con gol di Sottil) e nel 2011 ancora al Viareggio (due a zero). Ma non è finita qui. La Fiorentina veniva anche da una sconfitta nel 2014 in Coppa Italia contro la Lazio (totale tra andata e ritorno di sette a tre in favore dei biancocelesti) e da altre tre finali di Viareggio perse consecutivamente: nel 2000 per due a uno (gol di Tavano, all’epoca in viola) contro l’Empoli, nel 1995 ai rigori contro il Torino (dopo una doppietta di Flachi nei regolamentari) e nel 1994 per tre a due ai supplementari contro la Juventus. Una vera e propria ecatombe che totalizza ben otto finali consecutive perse prima del trionfo del 2019.

La stagione in corso, complice la grande rivoluzione tecnica (pochi i nuovi arrivi di spessore e lenta la crescita dei giovani rimasti) ma anche societaria e dirigenziale (l’avvicendamento tra Della Valle e Commisso con la partenza di Corvino per fare spazio a Pradè non ha di certo aiutato a far quadrare al cento per cento la formazione Primavera), non sta andando come quelle appena trascorse e l’imminente addio dello storico professor Vergine (responsabile massimo del settore giovanile) ingrandisce ancora di più il cartello “lavori in corso” per i viola.

Fiorentina che però, come detto in precedenza, ha finalmente interrotto la maledizione delle finali e la bacheca delle giovanili viola è tornata ad arricchirsi. Il 2019 sarà inevitabilmente perciò un anno da ricordare e che rimarrà nella storia.

Primavera 2, la classifica marcatori dopo la 13^ giornata: Ruocco agguanta la vetta e Buso fa un bel balzo nel B accorcia Sueva
Spezia, esordio dal primo minuto per il centrocampista Tobìas Reinhart