Berretti

Matelica, completato il mosaico degli allenatori delle squadre nazionali

Ieri ultima ufficializzazione con Latini all'under 15

Emanuele Giacometti
26.07.2020 11:58

A Matelica si sta preparando tutto nel dettaglio in vista della stagione 2020/2021. Un'annata che sarà in tutto e per tutto storica, visto che i matelicesi affronteranno il primo campionato tra i professionisti. Per quanto riguarda il settore giovanile, si è chiuso il cerchio sugli allenatori che alleneranno le squadre nazionali. Ieri infatti la società ha ufficializzato con un comunicato anche Nicola Latini all'under 15, mentre erano già noti i nomi di Emanuele Liberti alla Berretti, Matteo Possanzini all'under 17 e Fracesco Ruggeri all'under 16. Un mosaico quindi completo, ora il prossimo step riguarderà l'ufficializzare date e sedi dei ritiri per la preparazione pre-campionato. Questi i commenti dei tecnici. Emanuele Liberti (Berretti): “Sono strafelice di questa scelta, fatta di comune accordo con la Società che ringrazio immensamente. Abbiamo deciso insieme di intraprendere questa avventura, con un nuovo ruolo in cui mi prenderò cura della fascia dei giovani più vicina alla prima squadra. Già l’anno scorso con la Fabiani avevo lavorato con molti 2000/2001 ed anche in passato mi sono rapportato sempre bene con i giovani”. Matteo Possanzini (under 17): “Ho accettato la proposta con entusiasmo perché arrivo in una società seria e con tanta voglia di fare bene nella nuova realtà. Ringrazio per la fiducia riposta in me. Mi impegnerò al massimo per la buona riuscita del progetto”. Francesco Ruggeri (under 16): “Un’esperienza nuova che ho accettato con grande entusiasmo. Ringrazio di cuore la nostra splendida società, sempre al top sotto ogni aspetto, per questa bella opportunità. Sono veramente orgoglioso di far parte della famiglia biancorossa. La stessa gioia e la stessa professionalità che metterò io in campo ogni giorno cercherò di trasmetterle ai ragazzi”. Infine Nicola Latini (under 15): “Ringrazio prima di tutto il Matelica calcio e la famiglia Canil per la grande opportunità che mi è stata data. Da ben quattro anni, faccio parte di questa società super seria e super professionale, di cui sono davvero orgoglioso, quindi non posso fare altro che esprimere gratitudine per la mia riconferma. Sono molto contento”.

Farsi le ossa con i grandi - Serie A 36^ giornata
Inter, anche il Crotone sul baby Agoumè